All posts by redazione

worm

Gli worm più pericolosi di sempre

Gli worm sono i nostri nemici silenziosi

In primo luogo è necessario chiedersi cosa sono gli worm e perché rappresentano un pericolo così grave da poter silenziosamente dare l’accesso a molti virus decisamente dannosi. E’ importante tenere presente che molto spesso c’è la tendenza a sottovalutare questo codice malevolo perché non di rado si va a parlare dagli organi di stampa siano essi online o cartacei perché lavorando in modo silenzioso quindi si tende a non considerare molto questo serio problema.

Gli worm tendono a correre sulla rete quindi non hanno bisogno di installare alcun programma infetto poiché si deve tenere presente che questo software maligno deve sfruttare per poter cominciare a compiere il suo lavoro le varie falle del sistema andando ad aprire la strada per virus e trojan. I peggiori worm attualmente presenti attualmente sono in grado di rendere questa operazione molto più veloce andando quindi a creare delle problematiche abbastanza serie.

Difendersi dagli worm quindi non è un’operazione molto semplice perché è necessario tenere presente che questo tipo di malware può essere identificato solo aggiornando il proprio antivirus ed il sistema operativo in modo tale che non vi siano problemi in termini di sicurezza informatica creando guasti molto seri.

fonte howtoita

kevin mitnick

Kevin Mitnick – L’Arte dell’inganno

Il libro L’arte dell’inganno per chi vuole conoscere l’ingegneria sociale e Kevin Mitnick

Kevin Mitnick è probabilmente l’hacker più conosciuto al mondo anche grazie al film “Operation Takedown” ma le sue gesta riuscirono a creare un grande sconvolgimento in un periodo nel quale i governi stavano cominciando a comprendere questo tipo di reato. E’ necessario tenere presente che intorno agli inizi degli anni novanta non si conosceva bene questo ambiente e con il tempo ciò che è emerso è che gli hacker sono dei ladri e dei truffatori.

Kevin Mitnick è stato un hacker non come lo si intende ora ma nel vero senso della parola proprio come viene scritto nel manifesto ovvero la voglia di far cadere i muri di gomma che le grandi organizzazioni internazionali ed i governi. Non per arricchirsi ma per informarsi veramente si diventa hacker quindi la cosa principale sta nella ricerca della verità e nella libertà. Mitnick non solo è un eccellente informatico ma riuscì con l’ingegneria sociale a farsi consegnare codici di accesso ed informazioni molto sensibili che lo portarono ad essere troppo scomodo per la società.

Kevin Mitnick è stato arrestato ma per la sua grande intelligenza gli furono affidati vari incarichi.

Usb Killer Kit v3

Usb Killer Kit v3: strumento necessario per i pentest

Usb Killer Kit v3 è uno strumento molto importante per vari test dell’hardware

Nonostante l’Usb Killer Kit v3 abbia un nome abbastanza particolare non si tratta di un prodotto nocivo per il proprio computer ma un accessorio molto importante per coloro che hanno del hardware da controllare, costruiscono dei dispositivi o per coloro che si dilettano di hardware hacking. Nel palmo di una mano è possibile ottenere un prodotto adatto praticamente per tutte le soluzioni. Vediamo quindi quale sono le funzionalità di uno strumento di lavoro decisamente compatto che permette di risolvere non pochi problemi.

L’Usb Killer Kit v3 ha l’aspetto di una normale pennetta USB ma vi sono all’interno del software che permette di testare i propri circuiti fino al livello della sovralimentazione andando a superare i vari limiti del dispositivo riuscendo quindi a prevenire problematiche di vario tipo. Questo prodotto ha ottenuto tutte le certificazioni del caso, la FCC e la CE, e ciò rende tutto molto sicuro. Il v3 è un prodotto ricostruito da zero con una serie di adattatori che lo rendono molto utile per qualsiasi tipo di prodotto.

L’Usb Killer Kit v3 è in vendita online per soli novanta euro ed il prezzo tutto sommato basso lo rende ancora più appetibile.

hardware hacking

Hardware Hacking: perché è così importante

Il hardware hacking è uno dei modi per far evolvere l’umanità

Non bisogna pensare a qualcosa di illegale quando si parla di hardware hacking poiché non si violano reti o non si rubano informazioni personali ad altri utenti della rete ma si metteno in pratica le proprie conoscenze per invalidare la garanzia. Quando lessi questa definizione, ormai tanti anni fa, scoppiai a ridere ma in effetti è così. Hardware hacker è la parte artistica dell’hacking perché la curiosità di sapere con una buona dose di fantasia lo porta a creare costrutti che prima erano quasi impensabili. Si può affermare che questa tecnica sia quella che ha creato un enorme successo all’informatica.

Alla fine degli anni settanta la gente cominciava a armeggiare le schede, i transistori ed i condensatori per creare qualcosa di nuovo. Alcune volte, molto spesso, erano cose senza alcun valore ma altre sono diventate dei prodotti che hanno cambiato il mondo dell’informatica. Si potrebbe quindi affermare senza timore di sbagliare che gli hacker dell’hardware sono stati un elemento importante per lo sviluppo dell’informatica.

L’hardware hacking rappresenta un punto molto importante per chi si avvicina per la prima volta all’informatica perché potersi creare da soli i vari dispositivi, dov’è possibile è chiaro, dà una grande libertà.

Google Play Store

Google Play Store: oltre duemila app pericolose

Quando si parla di Google Play Store si pensa che si sta operando su una piattaforma sicura

Google Play Store contiene nel suo ventre moltissime applicazioni che vanno a coprire un vasto campo d’interesse dai videogiochi fino alle app messaggistica istantanea. Purtroppo le cose non sono così semplice perché nel suo interno sembra che ci siano oltre duemila applicazioni malevoli. Questa notizia potrebbe essere abbastanza pericolosa e non poco destabilizzante perché ci si dice che Big G vegli sul materiale proposto ma a quanto pare qualcosa non funziona in modo appropriato.

Secondo uno studio durato due anni e portato avanti dall’Università di Sidney e da Data61 vi sarebbero almeno duemila e quarantuno applicazioni con al loro interno virus di vario tipo che possono creare notevoli danni al proprio dispositivo e non solo. E’ necessario tenere presente infatti che il codice malevolo non si limita a rovinare un dispositivo, si può affermare che quasi mai ciò accade, ma il suo ultimo intento è quello di prenderne il controllo. Bisogna ricordare inoltre che gli smartphone sono dei veri e propri computer che possono essere usati come botnet per effettuare delle operazioni da cappello nero.

L’algoritmo creato per effettuare questa ricerca ha trovato in Google Play Store oltre quarantamila criticità tra le quali oltre settemila potenziali virus per poi arrivare agli oltre duemila virus accertati.

Gameover ZeuS

Gameover ZeuS: la fabbrica di botnet

Gameover ZeuS è la botnet più famosa al mondo

Gameover ZeuS è probabilmente la fabbrica di botnet peer to peer più famosa al mondo. Questa rete era stata fondata tramite il malware Zeus che, come molto spesso accade, rese un grande numero di computer sotto il controllo dell’hacker Evgeniy Mikhailovich Bogachev.

Questo sviluppatore riuscì a colpire la rete proprio dov’è più vulnerabile ed adoperata ovvero nella comunicazione peer to peer. Questo è ancora un canale molto adoperato e non di rado le peggiori problematiche in termini di sicurezza arrivano proprio da questo verso. Gameover Zeus riuscì a prendere il controllo di vari server che a loro volta infettarono a cascata i vari siti ed i computer degli utenti andando a creare un vero e proprio ecosistema infetto. Per intenderci è molto simile a quello che è accaduto di recende con il ratto, Random Access Troyan. La voglia di ottenere una propri botnet è da sempre molto elevata perché va a rendere molto più semplice riuscire ad avere una grande forza di calcolo avendo messo sotto il proprio controllo una serie di computer più o meno potenti.

Come al solito si deve fare molta attenzione per non incappare in problemi come il Gameover ZeuS di non installare applicazioni senza aver fatto controlli con il proprio antivirus.

electroneum

Electroneum la criptovaluta che vuole cambiare il mondo

Electroneum rappresenta una criptovaluta molto interessante perché vuole cambiare il mondo

Electroneum non è una criptovaluta come le altre perché all’interno di questa moneta virtuale c’è la voglia di rendere il mondo un posto più sostenibile. Decidere di investire in questo progetto significa poter andare incontro ad una serie di caratteristiche che possono essere molto interessanti non solo per gli utenti privati ma anche per gli esercenti.

Tra le criptovalute l’electroneum è probabilmente quella che è stata creata per fare in modo da portare ad un maggiore progresso del mondo. Questa valuta è interessante anche perché è stato pensato per creare un vero e proprio sistema economico che parte dalle aziende fino agli utenti finali senza dimenticare gli esercenti. Rendere un’economia completamente scollegata dal sistema monetario internazionale che sempre più è diventato un ambiente lontano dai cittadini comuni e dei paesi in via di sviluppo. Ciò significa che si va a realmente a creare un sistema parallelo all’economia tradizionale. E’ bene tenere presente che le criptovalute sono nate proprio per questo motivo prima che la moda di questo strumento diventasse quasi una moda ma tutti noi sappiamo che il famoso bitcoin nacque proprio da questo tipo d’idea.

Ma cosa può ancora offrire a tutti voi l’electroneum? E’ molto semplice perché questa particolare criptovaluta permette di fare il cloud mining quindi senza alcuna difficoltà è possibile installare l’applicazione electroneum e cominciare a minare questa straordinaria criptovaluta.

Laika Red

Laika Red: il motore di ricerca nuovo?

Laika Red potrebbe essere un innovativo motore di ricerca

Laika Red è un motore di ricerca di nuova generazione perché rappresenta un prodotto che si differenzia da tutti gli altri per essere creato dagli uomini per gli uomini. Sicuramente è un grande lavoro quello che si sono prefissati i programmatori di Laika Red perché si deve tenere presente che non ci sono algoritmi che vanno a determinare l’accesso al motore di ricerca ma che possono anche determinare la postazione degli stessi. Non di rado non c’è molta attenzione ai contenuti perché non sempre tutto viene fatto come si dovrebbe visto che vi sono tecniche particolari.

Laika Red rappresenta un motore di ricerca molto interessante perché i nostri programmatori esperti di big data stanno raccogliendo tutti i dati possibili per poter rendere facile la vita degli utenti. Questi siti saranno catalogati in base all’importanza dei contenuti e non saranno presenti siti dannosi o che possono nuocere in qualche modo al computer ed ai dati sensibili degli utenti. Non ci saranno pubblicità o qualsiasi altra cosa che possa rappresentare un pericolo per i navigatori. Prima di inserire i siti nel motore di ricerca saranno controllati i link in modo da poter esser sicuri che non vi siano collegamenti potenzialmente dannosi.

Laika Red è in fase di lavorazione ma tra non molto sarà una realtà di internet andando ad offrire una valida alternativa agli altri prodotti presenti nel web. Laika Red è un prodotto di Yuuh!, una nuova realtà del panorama tecnologico italiano e mondiale.

Gameover ZeuS

Hacker Manifesto: i giovani rivoluzionari

==Phrack Inc.==                     Volume One, Issue 7, Phile 3 of 10 =-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-= The following was written shortly after my arrest...                        \/\The Conscience of a Hacker/\/                                       by                                +++The Mentor+++                           Written on January 8, 1986 =-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=         Another one got caught today, it's all over the papers.  "Teenager Arrested in Computer Crime Scandal", "Hacker Arrested after Bank Tampering"...         Damn kids.  They're all alike.         But did you, in your three-piece psychology and 1950's technobrain, ever take a look behind the eyes of the hacker?  Did you ever wonder what made him tick, what forces shaped him, what may have molded him?         I am a hacker, enter my world...         Mine is a world that begins with school... I'm smarter than most of the other kids, this crap they teach us bores me...         Damn underachiever.  They're all alike.         I'm in junior high or high school.  I've listened to teachers explain for the fifteenth time how to reduce a fraction.  I understand it.  "No, Ms. Smith, I didn't show my work.  I did it in my head..."         Damn kid.  Probably copied it.  They're all alike.         I made a discovery today.  I found a computer.  Wait a second, this is cool.  It does what I want it to.  If it makes a mistake, it's because I screwed it up.  Not because it doesn't like me...                 Or feels threatened by me...                 Or thinks I'm a smart ass...                 Or doesn't like teaching and shouldn't be here...         Damn kid.  All he does is play games.  They're all alike.         And then it happened... a door opened to a world... rushing through the phone line like heroin through an addict's veins, an electronic pulse is sent out, a refuge from the day-to-day incompetencies is sought... a board is found.         "This is it... this is where I belong..."         I know everyone here... even if I've never met them, never talked to them, may never hear from them again... I know you all...         Damn kid.  Tying up the phone line again.  They're all alike...         You bet your ass we're all alike... we've been spoon-fed baby food at school when we hungered for steak... the bits of meat that you did let slip through were pre-chewed and tasteless.  We've been dominated by sadists, or ignored by the apathetic.  The few that had something to teach found us will- ing pupils, but those few are like drops of water in the desert.         This is our world now... the world of the electron and the switch, the beauty of the baud.  We make use of a service already existing without paying for what could be dirt-cheap if it wasn't run by profiteering gluttons, and you call us criminals.  We explore... and you call us criminals.  We seek after knowledge... and you call us criminals.  We exist without skin color, without nationality, without religious bias... and you call us criminals. You build atomic bombs, you wage wars, you murder, cheat, and lie to us and try to make us believe it's for our own good, yet we're the criminals.         Yes, I am a criminal.  My crime is that of curiosity.  My crime is that of judging people by what they say and think, not what they look like. My crime is that of outsmarting you, something that you will never forgive me for.         I am a hacker, and this is my manifesto.  You may stop this individual, but you can't stop us all... after all, we're all alike.                                +++The Mentor+++

fonte: http://phrack.org/issues/7/3.html

Traduzione

Da: Phrack, Volume Uno, Issue 7, Phile 3 of 10



Da: Phrack, Volume Uno, Issue 7, Phile 3 of 10



=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=

Questo è stato scritto poco dopo il mio arresto…



\/\La Coscienza di un Hacker/\/



di



+++The Mentor+++



Scritto l’8 Gennaio 1986

=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=



Ne hanno arrestato un altro oggi, è su tutti i giornali. “Teenager

arrestato per crimine informatico”, “Hacker arrestato per essersi infiltrato in

una banca”…

Dannati ragazzini. Sono tutti uguali.



Ma voi, con la vostra psicologia da due soldi e il vostro tecno-cervello

da anni ’50, avete mai guardato dietro agli occhi dell’hacker? Vi siete mai

chiesti cosa lo stimola, che forze lo hanno formato, cosa può averlo forgiato?

Io sono un hacker, entra nel mio mondo…

Il mio è un mondo che comincia con la scuola… Sono più intelligente

della maggior parte degli altri ragazzi, queste sciocchezze che ci insegnano mi

annoiano…

Dannato ragazzino. Non si impegna. Sono tutti uguali.


Sono alle medie o al liceo. Ho sentito i professori spiegare per la

quindicesima volta come ridurre una frazione. L’ho capito. “No, Ms. Smith, non

ho scritto il procedimento. L’ho fatto nella mia testa…”

Dannato ragazzino. Probabilmente lo ha copiato. Sono tutti uguali.



Ho fatto una scoperta oggi. Ho trovato un computer. Aspetta un secondo,

questo è figo. Fa quello che voglio che faccia. Se fa un errore, è perché io ho

sbagliato. Non perché non gli piaccio…

O perché si sente minacciato da me…

O perché pensa che io sia una testa di cazzo…

O perché non gli piace insegnare e non dovrebbe essere qui…

Dannato ragazzino. Tutto quello che fa è giocare. Sono tutti uguali.



E poi è successo… una porta si è aperta su un mondo… correndo per la

linea telefonica come l’eroina nelle vene di un drogato, un impulso elettronico

è stato inviato, un rifugio dall’incompetenza quotidiana è stato trovato… ho

scoperto una board (N.d.T. forum).

“Questo… questo è il posto a cui appartengo…”

Conosco tutti qui… anche se non li ho mai incontrati, non ho mai parlato

con loro, potrei non avere mai più loro notizie… Io conosco tutti loro…

Dannato ragazzino. Sta occupando di nuovo la line telefonica. Sono tutti

uguali…



Puoi scommetterci il culo che siamo tutti uguali… ci hanno imboccato

omogenizzati a scuola quando bramavamo bistecca… i pezzetti di carne che avete

lasciato passare erano pre-masticati e insapori. Siamo stati dominati da sadici,

o ignorati da apatici. I pochi che avevano qualcosa da insegnarci hanno trovato

in noi desiderosi allievi, ma quei pochi sono come goccie d’acqua nel deserto.



Questo è il nostro mondo adesso… il mondo dell’elettrone e dello switch,

la bellezza della banda. Noi usiamo un servizio che esiste già senza pagare per

qualcosa che sarebbe schifosamente economico se non fosse gestito da avidi

ingordi, e ci chiamate criminali. Noi esploriamo… e ci chiamate criminali. Noi

cerchiamo la conoscenza… e ci chiamate criminali. Noi esistiamo senza colore

della pelle, senza nazionalità, senza pregiudizi religiosi… e ci chiamate

criminali. Voi costruite bombe atomiche, voi provocate guerre, voi uccidete,

ingannate e mentite e cercate di farci credere che è per il nostro bene, eppure

siamo noi i criminali.



Sì, sono un criminale. Il mio crimine è la curiosità. Il mio crimine è

giudicare le persone per quello che dicono e pensano, non per il loro aspetto.

Il mio crimine è stato surclassarvi, qualcosa per cui non mi perdonerete mai.



Io sono un hacker, e questo è il mio manifesto. Potrete anche fermare me,

ma non potete fermarci tutti… dopotutto, siamo tutti uguali.


+++The Mentor+++